Quando si parla di settimana della moda viene quasi spontaneo fare riferimento a Londra, Parigi e Milano. Eppure, l’offerta di sfilate, eventi e spettacoli della kermesse berlinese dedicata agli stilisti del momento sta diventando sempre più importante.

La Berlin Fashion Week è ormai uno dei momenti artistici più attesi nella capitale tedesca. Di scena per una settimana, due volte all’anno, il prossimo appuntamento sarà a partire dal 19 gennaio 2015, con una serie di eventi che non potranno non ricordare la caduta del muro, il tutto filtrato attraverso l’impronta urbana e l’attenzione verso i temi della sostenibilità cari a Berlino.

La Berlin Fashion Week ospita inoltre una serie di eventi satellite, di tutto rispetto, come il Berlin fashion Film Festival, l’evento incentrato sui corti “fashion”, considerati ormai il futuro del marketing della moda, e organizzato da FIER management, un’idea tutta italiana.

10544765_792837657415385_3654435738443368945_o

FIER management non si limita però al solo Berlin fashion Film Festival. Lo scorso luglio, l’evento FIER vitrine ha visto un pubblico selezionato di circa 500 persone, assistere ad una esposizione creativa dedicata alla moda “underground”. E poiché questo è un enorme successo, dovremmo cominciare a chiederci il perché di tutto questo interesse verso i nomi indipendenti.

10517128_792838984081919_7142218840978755586_o

Il successo degli eventi legati al mondo della moda a Berlino, in particolare quelli “di nicchia” – se così possiamo definirli – dimostrano un crescente senso comune di avversione nei confronti della pomposità e autoreferenzialità della moda mainstream e in particolare, del modo in cui ci viene propinata. C’è quindi un bisogno essenziale di ritornare alle origini della moda: la moda come comportamento e atteggiamento di stile, non un modo di subire passivamente le ultime tendenze. Questo è ciò che le persone che hanno partecipato a FIER vitrine e agli eventi satellite della Berlin Fashion Week stavano e stanno tuttora cercando.

(Foto © Fiermanagement.com - In collaborazione con Gulnaz Sharipova)